Dal 13 agosto 2015 ci saranno importanti novità per quanto riguarda frutta e verdura confezionate pronte per essere consumate. In questo modo ogni cliente potrà conoscere con esattezza ciò che sta acquistando. Sta per entrare in vigore la legge 77/2011, che si basa sulla continua conservazione del cibo a temperature ridotte dalla produzione dell’alimento fino al consumo.

I produttori e distributori avranno l’obbligo di mantenere tali alimenti a una temperatura inferiore agli 8 gradi, in modo da poter garantire la freschezza degli stessi fino a quando non saranno acquistati per essere mangiati. Tra gli obblighi, sarà necessario avere celle frigorifere che non superino gli 8 gradi, aree di lavorazione che non oltrepassino i 14 gradi e due vasche di lavaggio e riciclo dell’acqua.

Sull’etichetta dovrà infatti esserci scritto “prodotto lavato e pronto al consumo/pronto da cuocere”, “conservare in frigorifero a temperatura inferiore a 8 gradi” e “consumare entro due giorni dall’apertura della confezione e comunque non oltre la data di scadenza”. Informazioni fondamentali per l’acquirente, considerato il fatto che in molti prodotti queste diciture mancano.